La 20 Edizione di “Arte Forlì contemporanea”

 DSC9279 pano
Il migliore regalo per il suo 20° compleanno? Non c’è alcun dubbio siano stati proprio gli appassionati e collezionisti d’arte a farlo alla mostra-mercato che dal 1997 rappresenta a Forlì e in Romagna il principale momento di incontro e la più importante e qualificata occasione di investimento sull’arte e moderna e contemporanea.
Da venerdì 4 a lunedì 7 novembre scorsi, “Arte Forlì Contemporanea” ha attirato nei padiglioni espositivi della Fiera di Forlì migliaia di visitatori con un incremento davvero significativo rispetto ai riscontri degli anni precedenti. Mediamente, infatti, la rassegna organizzata da Romagna Fiere ha registrato un aumento di presenze pari al 20 per cento, con dati superiori al 2015 in tutte le quattro giornate.
D’altronde già in partenza questa 20ª edizione presentava un’offerta più ricca, avendo portato a Forlì  una piazza certo consolidatasi nelle abitudini degli appassionati, ma non certo tra i principali poli nazionali in questo campo  oltre 60 tra le più importanti Gallerie d’Arte del Paese. Un numero significativo di queste era, poi, presente nel capoluogo romagnolo per la prima volta e la scelta di puntare su “Arte Forlì Contemporanea” si può a ragion veduta affermare sia stata vincente.
Buono, anzi molto buono, il volume di vendite che le Gallerie hanno segnalato. Il pubblico interessato, attento, competente, ha potuto toccare con mano la loro grande professionalità e il valore delle opere presentate. A riscuotere successo (commercialmente e non solo di “critica”) sono stati sia gli autori storicizzati, sia i nuovi talenti emergenti, romagnoli e non solo, capaci di interpretare tutte le tendenze della contemporaneità.
 KEV5267
In questo contesto anche le iniziative e gli eventi collaterali organizzati da Romagna Fiere hanno at- tirato un interesse accresciuto. Ne è emblema la tradizionale asta di beneficenza “Arte per La Nave”, svoltasi domenica 6 novembre a cura di Scuole La Nave e giunta alla sua 9ª edizione. L'affluenza all'asta è stata la più elevata di sempre e tutti i lotti sono andati venduti (ben 66 opere donate dagli artisti), compreso il “Lotto 1”, lo speciale acrilico su tela dipinto in diretta durante l’asta dai fratelli Alfonso e Nicola Vaccari e che è stato battuto per ultimo facendo schizzare a quota 11.000 euro le donazioni raccolte. Somme che saranno interamente devolute al fondo di aiuto allo studio “Don Lino Andrini”, destinato all’acquisizione di strumenti di lavoro per gli studenti.
In tutte le giornate, poi, tantissimi i visitatori alle mostre che hanno impreziosito “Arte Forlì Contemporanea”, a partire da “LO DO LA FRA”, l’esposizione curata da “Mirabili Arte d’Abitare” e dedicata a Marco Lodola e Giovanna Fra. Oltre alle grandi luminose del maestro pavese al fianco delle quali incalcolabili sono stati i “selfie” scattati dai visitatori, la collaborazione con la maison d’arte fiorentina ha portato a Forlì “Le Cirque”, il grande elefante di luce alto 9 metri realizzato nel 2016 per lo spettacolo teatrale di Andrea Bocelli al Teatro del Silenzio.
 KEV5339
Notevole afflusso, poi, anche allo speciale allestimento curato da Galleria Costa Deniarte per omaggiare Tano Festa, alla mostra “Femminilità” dello scultore romagnolo Mario Bertozzi e all’area dedicata alle installazioni di 10 artisti emergenti e denominata “Spazio allo Spazio”. Una rassegna, quest’ultima, che Oscar Dominguez cura da 13 anni per la mostra mercato forlivese e che continua ad essere un momento di confronto tra gli artisti stessi e una vetrina sulla quale le Gallerie possono gettare un occhio interessato. E in questo 2016 con tante Gallerie in più e tanto pubblico in più, gli occhi sul talento non sono certo mancati.
Non resta, dunque, che iniziare subito a pensare al 2017 e a una nuova “Arte Forlì Contemporanea” che avvii un secondo ciclo di altri 20 anni.